Nov
6

Ho visto gli alieni di Roswell

Inserito il 6 novembre 2004 da Roswell in Avvistamenti, Ufologia

Alieno di RoswellPhilip Corso è un colonnello dell’esercito statunitense in pensione, ma soprattutto e’ l’uomo che ha visto i cadaveri di Roswell.
“Era la sera del 6 luglio 1947”, ha raccontato Corso al recente simposio internazionale sugli UFO, e, con il grado di maggiore, ero di stanza a Fort Riley, nel Kansas, come responsabile della sicurezza. Stavo compiendo il consueto giro di perlustrazione della base quando, giunto vicino al caseggiato veterinario, fui chiamato dal sergente maggiore Bill Brown. ‘Maggiore, venga a vedere. C’e’ da non crederci’, mi disse.
Nessuno, quella sera, avrebbe dovuto entrare in quel perimetro. Un cartello diceva chiaramente di girare alla larga. Entrai e vidi alcune casse che, secondo Brown, venivano da San antonio, Texas. Ci avevano detto che contenevano del materiale recuperato da un incidente avvenuto un paio di giorni prima in Nuovo Messico. Mi avvicinai ad una delle casse di legno (erano una trentina), mentre Brown restava di guardia. Vidi una cassa, sigillata su un lato e aperta dall’alto. Sollevai il coperchio e illuminai l’interno con una torcia. In quel momento lo stomaco mi balzo’ in gola”. “Era una bara di vetro”. “Dentro c’era qualcosa sommerso in un liquido semigelatinoso, bluastro. Sulle prime pensai al cadavere di un bambino. Ma era una figura umana, molto lunga. Aveva braccia e mani strane, con quattro dita ciascuna. Non vidi il pollice. Le gambe ed i piedi erano esili. La testa era sproporzionatamente grande, a bulbo”. Nel momento in cui vidi l’alieno, capi’ di essersi imbattuto in qualcosa di straordinario. “Dissi allora a Brown di andarsene in fretta, se non voleva avere grane. La storia sembro’ finire li’ ma poi, nel 1961, giunsi al Pentagono, alle dipendenze del generale waschinton. Ero colonnello e fui distaccato al dipartimento Ricerche e Sviluppo. Fu in quell’occasione che waschinton mi convoco’ e mi mostro’ dei fascicoli speciali. Si parlava di autopsie di extraterrestri di Roswell e della tecnologia aliena recuperata. waschintown mi disse che avrei dovuto valutare l’impiego strategico di quel materiale. Cosi’ decisi di distribuire segretamente parte dei materiali trovati a diversi specialisti, competenti e fidati. Dovevamo capire come funzionavano”.
Nel disco di Roswell i militari hanno trovato, transistor e laser, fibre ottiche, leghe metalliche ad allineamento molecolare, generatori atomici portatili, proiettili ad uranio e sistemi di propulsione e guida estremamente avveniristici. Per inciso, scoprimmo che gli alieni di Roswell non erano dei veri extraterrestri, ma degli esseri clonati, dei robot biologici costruiti dagli alieni apposta per i viaggi interstellari”.

Related Posts with Thumbnails

5 commenti per quento post

13 dicembre 2007 | 17:19 | yuri

ciao!?!?! sembra strano che esita qulcosa sopra le nostre teste. io 1 volta ho visto qualcosa di strano, tipo 1 palla che stava volando sopra di mè poi al improviso se ne andato ma non come un flash ma andava lentamente in su e doppo un paio di minuti a lasciato un cosa biancha. questo era succeso 1 anno fa a leives alle 5.31

29 ottobre 2009 | 18:11 | Salvatore

quando hai scoperto che non era altro che un robot costruito dagli alieni, si dice che anche il robot è extraterrestre, perche anche il robot era di un altro pianeta

14 luglio 2010 | 00:44 | Angelo

Io anche ho avuto un caso strano. Una notte d'Inverno, il 15 dicembre mentre vedevo sorgere la prima stella in cielo che sarebbe venere, vicino ad essa ho notato qualcosa di strano. C'era una specie di sfera luminosa bianca che dopo averla vista per 7 minuti spari ad una velocità pazzesca.

13 novembre 2010 | 00:42 | sconosciuto

dovete imparare che non siamo soli nell' universo tutti alieni sulla luna e tanti altri dobbiamo farci dire la verità dal governo

18 novembre 2010 | 02:16 | annamaria

non siamo soli lo so ,ma conosco tante persone che non sanno neppure di cosa si parla

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.