Giu
25

Cerchi nel grano anche in Italia

Inserito il 25 giugno 2005 da Roswell in Crop Circles

images1.jpgDurante la bella stagione il fenomeno dei cerchi nel grano viene spesso associato agli Ufo.
I quotidiani commentano l’apparire di formazioni nei campi coltivati ipotizzando una loro origine non terrestre.
I crop circle sono così popolari presso il grande pubblico che la Nike ha deciso di puntare su di essi per una sua campagna pubblicitaria, commissionando la realizzazione di tre gigantesche orme di piedi ai famosi Circlemakers, gli artisti inglesi che creano ogni anno spettacolari crop circle.

Una nota agenzia pubblicitaria italiana ha commissionato in questi giorni alcuni cerchi nel grano ai due più celebri circlemakers italiani, i cui nomi di “battaglia” sono “Jack Moon” e “Diablo” e il cui lavoro è sostenuto dall’Associazione degli Artisti del Grano, che fa capo al sito Ufoitalia. Cerchi nel grano sono stati fotografati nei pressi di Arezzo e Perugia (immagini in fotogallery).

Intanto proseguono gli avvistamenti di Ufo su e giù per la Penisola. Il 5 giugno 2005 perviene una testimonianza da Senigallia (Ancona): «Mi chiamo C.V. , tengo a precisare che non credo molto in queste cose , però mi è capitata una cosa strana. Mi trovavo a Senigallia (AN), per una breve vacanza e come tutte le sere anche il 5 giugno 2005 alle ore 22.30 mi sono messo sul balcone per dare uno sguardo al mare, quando ad un certo punto ho avvistato due sfere luminose di colore giallo intenso a una distanza dal balcone di 30 metri. Viaggiavano una dietro l’altra. La prima, quella che faceva strada, andava dritta, mentre l’altra che la seguiva a circa 5 metri zigzagava. Viaggiavano in orizzontale e non ho mai visto niente di simile».

Il 10 giugno 2005 due testimoni osservano da Mantova un altro oggetto sferico. Ecco la testimonianza di un o dei due amici: «Ho avvistato quello che ritengo un Ufo d’oro sferico, luminoso, con anello, sopra il ponte di San Giorgio a Mantova, tra i due laghi. Ieri sera, 10 giugno, verso le 23 ero in auto con un amico. L’oggetto era sopra le nostre teste a circa 100-200 metri di altezza. Non so di cosa si sia trattato, sicuramente qualcosa che non avevo mai visto prima». Il giorno dopo un avvistamento simile è effettuato da Reggio Emilia: «Ciao mi chiamo D.B. e sono di Reggio Emilia. Sabato 11 giugno alle 7.53 del mattino ho avvisato un oggetto tondeggiante (un Ufo?) appiattito, molto luminoso, che si dirigeva da nord-ovest a sud-est. Volava abbastanza basso e seguiva una traiettoria a zig-zag, per poi fermarsi e accelerare del tutto e sparire dalla mia vista. Purtroppo non ho avuto i riflessi di usare la fotocamera del cellulare».

Passiamo alla casistica estera. Il 5 giugno 2005 a Phoenix, Arizona (Usa) un gruppo di testimoni fotografa un oggetto dalle caratteristiche apparentemente singolari. L’oggetto, formato da un nucleo centrale e numerose sfere laterali che seguivano traiettorie non connesse tra loro è visibile nella fotogallery. Il 10 giugno 2005 nell’Ontario (Canada) un appassionato di fotografia digitale immortala una sagoma discoidale, di cui si accorge solo quando osserva la foto. È l’ennesima “fotografia inconsapevole”, parte di una casistica che riguarda più l’ottica che non l’ufologia (in fotogallery).

[ via Lobero Magazine ]

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.