Mar
5

L’astronauta di Palenque

Inserito il 5 marzo 2007 da Roswell in dal passato, Ufologia

Astronauta di PalenqueNegli anni ’50 una spedizione condotta dall’archeologo Alberto Ruz Lhuillier scoprì, quasi per caso. un gruppo di rovine abbandonate da secoli e che la vegetazione, nonché pietre e detriti, avevano coperto quasi completamente.

La spedizione condotta di Ruz si occupò per mesi di questa importante scoperta, ma alla fine i risultali furono veramente sorprendenti.

Intanto all’interno della piramide venne rinvenuto un sarcofago di pietra rossa ricoperto da un’imponente lastra, sempre di pietra, che fu possibile alzare solo dopo il ricorso a tecniche modernissime.
Dentro il sarcofago fu rinvenuto Io scheletro di un uomo alto 1 metro e 73 centimetri con il volto coperto da una maschera di giada.
Di chi fossero questi resti è tuttora un mistero: certamente si trattava di un gigante se pensiamo che l’altezza media dei maya era sull’ordine del metro e 50 centimetri. Di sicuro si trattava di un personaggio di tutto rispetto se a tutt’oggi questa rimane l’unica sepoltura rinvenuta in una piramide americana, e in America del Sud le piramidi finora scoperte sono molte.

La cosa che però fece più impressione, non appena la si poté osservare con calma, resta senz’altro la grossa lastra di pietra che copriva il sarcofago. Per interpretarla furono usate le più varie e cervellotiche ipotesi, ma nessuna che fosse soddisfacente. L’unica che, una volta osservata un’immagine della pietra, fosse plausibile è senz’altro quella che sembra anche la più incredibile e , forse, la più “impossibile”: l’ipotesi della capsula spaziale…!
Infatti il personaggio raffigurato porta un casco e guarda in direzione della prora. Le sue mani sembrano manovrare delle leve, la testa pare appoggiata su un supporto e nel naso penetra un inalatore. Inoltre, per finire, dalla parte posteriore della “navicella” fuoriescono delle fiamme. Ovviamente tutto questo appare incredibile poiché si tratta di un reperto archeologico risalente a più di 1000 anni fa, ma basta osservare la pietra tombale per rendersi conto che la spiegazione più incredibile e anche la più soddisfacente. Certamente pensare ad antichi mava scorrazzanti su razzi spaziali non è facile da dirigere: l’argomento è buono per un mediocre romanzo di fantascienza, ma tuttavia la piramide e la lastra di pietra di Palenque sono ancora là a ricordarci che molte volte la realtà è più incredibile della più incredibile fantasia.

Related Posts with Thumbnails

3 commenti per quento post

28 marzo 2008 | 15:22 | matteo

allora mi sono molto documentato su questo, e basta ruotare il bassorilievo per notare che si trasforma senza problemi in un altare sacrificale. il casco? veramente è un copricapo. la ruotazione è richiesta per il semplice fatto che a lato ci sono raffigurazioni che sono in posizione normale solo ruotando l immagine. inoltre è presente del fuoco che non è necessariamente un razzo, anche perchè se fosse un razzo come ci arrivavano gli alieni fino a qua con mezzi come i nostri?

[…] razzi.  Oltre ai libri, numerosi siti Web contribuiscono a perpetuare il mistero. Ad esempio su Roswell.it leggiamo: “Dentro il sarcofago fu rinvenuto Io scheletro di un uomo alto 1 metro e 73 […]

21 giugno 2015 | 03:41 | luca

Mettiamo sia possibile tutto ciò… si parla di astronauti di 15000 anni fa quindi si può ben immaginare che anche loro avessero bisogno all'ora di razzi a propulsore

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.