Ago
6

Misteriosa massa di ferro scoperta nel sottosuolo

Inserito il 6 agosto 2007 da Roswell in Misteri

13476541.jpgCercavano l’acqua, hanno scoperto “ una massa misteriosa”, tre metri sotto terra, su una collina a due km da Roccatederighi.
Un ritrovamento straordinario, di cui in paese si parla sottovoce e sul quale vengono fatte molteplici ipotesi, alcune davvero suggestive.
Ora sulla vicenda indagano i carabinieri della locale stazione, c’è un’informativa alla Procura della Repubblica di Grosseto e da ieri sera è stato ufficialmente investito del caso anche il primo cittadino del Comune di Roccastrada, Leonardo Marras.
L’antefatto. Tutto inizia durante l’inverno. Il proprietario di un casale, un milanese, decide di incaricare dei geologi per trovare, nella sua proprietà, una sorgente d’acqua. Vuole evitare il costante e dispendioso ricorso alle autobotti per approvvigionarsi. Siamo su una collina di argille calcari, un posto dal quale si domina la Maremma, straordinario se non fosse per quel problema: l’acqua, appunto. Il geologo fa il suo dovere: rilevazione approfondita del suolo, indagine geoelettrica con strumentazioni d’avanguardia. Nessuna traccia di sorgenti, difficile anche suggerire un posto dove effettuare i soliti carotaggi. Si rischia di lavorare assai, spendere altrettanto e non trovare una goccia d’acqua.

Sorpresa. Il turista milanese fa leva sui rapporti di buon vicinato e chiede di poter “sconfinare”, con le sue indagini, nel terreno di un vicino. E qui emerge (si fa per dire) qualcosa di impensabile. Macché, dell’acqua non c’è traccia. Sotto terra, tra i tre e i cinque metri di profondità, si individua invece una massa ferrosa (sarebbe lunga oltre venti metri, larga quattro). In sezione ha una forma strana. Ricorda un grande mezzo, una piattaforma, forse un blindato. «Mai visto nulla di simile – confessa subito il geologo al commitente – è un materiale ad elevata conducibilità elettrica, dalla forma regolare. Ditemi voi cosa devo fare».

Un mistero. Le ricerche si fermano. Meglio una pausa di riflessione. Nel frattempo i due proprietari si consultano, mostrano le carte a un altro geologo, chiedono la consegna del silenzio e alla fine scelgono di soprassedere. Ma la curiosità, si sa, è un motore difficile da spegnere. Ne parlano, con i colleghi e con le Università, i geologi coinvolti. Ne parla, in paese, il proprietario del terreno. La notizia è di quelle che accendono la fantasia, che risvegliano vecchie storie, mai definitivamente archiviate. Gli anziani forse possono offrire una spiegazione. No, purtroppo gli anziani non hanno idea di cosa è sepolto sotto quella collina.

Reazioni. Sono i geologi, in questa vicenda, ad avere un ruolo centrale. Non solo possiedono le carte dove si coglie questa anomalia, ma anche gli strumenti per approfondire, per dare risposte più chiare, senza scavare, senza fare troppa fatica. Ma ai geologi è stato chiesto di non parlare, di metterci una pietra sopra. Quando, al telefono, contattiamo lo scopritore della massa misteriosa prima minimizza, poi ci diffida dal citare luoghi e nomi. Infine si appella alla privacy e minaccia il ricorso alle vie legali. Dice che si rivolgerà a un avvocato: «non mi interessa la pubblicità sui giornali. Sono disposto a parlare solo con i carabinieri». E così farà.

Le conferme. Il secondo geologo coinvolto conosce il territorio, ma ha visto soltanto alcune carte. È cauto, eppure conferma, senza ombra di dubbio, che «sotto terra, in quella proprietà, c’è qualcosa che non dovrebbe esserci». Conferma anche la natura del materiale: un metallo, un conduttore. Esclude, per le dimensioni, che si possa trattare di un carroarmato. Suggerisce, saggiamente, di non fare ipotesi azzardate e di investire della scoperta le autorità competenti. La prima puntata, aggiornata a ieri sera, finisce qui.

[ via IlTirreno ]

Related Posts with Thumbnails

13 commenti per quento post

6 agosto 2007 | 13:14 | Andrea

Vedremo come va a finire … mi sa tanto di bufala . Non ci sarebbe voluto poi tanto ad effettuare un buchetto di 3-5mt di profondita per riportare alla luce questo "ritrovamento" . Penso che chiunque scaverebbe per vedere cosa c'è nel proprio giardino senza farsi tanti problemi … a simili profondita poi … raggiungibili anche a mano o con l'ausilio di una piccola scavatrice nel giro di qualche ora.

6 agosto 2007 | 22:43 | Roswell

Se fosse capitato a me avrei scavato a mani nude 😉

[…] Nazionale si sarebbero recati a Roccatederighi per cercare di stabilire l’origine della massa ferrosa rinvenuta nel […]

11 agosto 2007 | 14:59 | Polena

Molto probabile sia un meteorite ,sinceramente conosco bene la Rocca ci sono stata pochi giorni fa essendo maremmana , C'erano anche molte miniere in zona , inoltre nel terreno ci sono molti fossili di conchiglie ,e la rocca si trova adesso 500 metri sopra il mare. Ho pensato infatti che nel passato c'era il mare e sarebbe normale credo che un meteorite entrato a contatto con l'acqua ,raffreddato cioe', si sia andato a collocare a pochi metri (4 infatti) nel suolo …non so poi sinceramente ci sono tante possibilita' ,ed e' molto suggestivo a dire il vero questo ritrovamento che richiama un po' di leggenda e mistero ..il che non guasta tuttosommato..e' un bel paese la Rocca ,anche senza mistero,eheheh…un saluto.valentina.

11 agosto 2007 | 18:01 | emiliano

un meteorite di 20 metri x 4 lascierebbe un cratere di un diametro maggiore di 2 km….invece l'oggetto è sotterrato simmetricamente in un punto in cui è stato prima scavato e poi sepolto…vi faccio notare che i rilevamenti del CUN e del geologo dei carabinieri, hanno rilevato oltre i 40 gradi TESLA, quando se ci avviciniamo ad una normalissima centrale elettrica non supera i 10 tesla, quindi l'oggetto in questione è altamente radioattivo, considerando il fatto che è sepolto da 4 o 5 metri di strati di terra, immagginate scavando a che livello arriveremo!

Per questo ancora non si è scavato, si attendono ui vigili del fuoco per il 21 agosto.

Personalmente ho visto il grafico del geologo, e devo dire che l'oggetto ha assolutamente forma a dir poco bizzarre….tipo UFO??

Sono anche sicuro di una cosa, i militari italiani e americani stanno già lavorando per far sparire tutto …quindi aspettiamci l'ennesimo mistero in stile ustica, all'italiana.! 🙂

saluti

Emiliano

11 agosto 2007 | 18:18 | Roswell

@emiliano

Secondo me se fosse realmente un UFO i militari avrebbero già insabbiato tutto, ancor prima che la notizia arrivasse alla stampa locale.

11 agosto 2007 | 19:21 | emiliano

si roswell, anche questo è vero, ma dalle fonti che ho, ci dev'essere stato qualche piccolissimo errore….una fuga di notizie, ecco perchè ancora c'è mistero e non si è insabbiata subito la vicenda…l'inquirente del CUN che si è recato per primo a fare i rilievi (che poi tra l'altro è lo stesso che si occupa dei miei avvistamenti di Latina) ha notato movimenti abbastanza insoliti da parte degli organi che si stanno occupando del caso…ma questo non è un mistero, si sà come vanno a finire certe cose ! 😉

saluti

Emiliano

11 agosto 2007 | 19:23 | emiliano

p.s.: complimentoni per il blog! 😉

11 agosto 2007 | 19:26 | Roswell

Grazie per i complimenti e speriamo che la vicenda non vada a finire come al solito.

Approfitto per chiedere a chiunque abbia news di inserirle nei commenti.

Grazie

12 agosto 2007 | 16:27 | emiliano

[…] un po in ritardo, visto che sono stato in vacanza ;-), comunque sono stati effettuati scavi a Roccatederighi che hanno chiarito il mistero: […]

27 marzo 2008 | 06:05 | Michele

….quasi dispiaciuto dal mistero eliminato…..ma immaginavo una motivazione simile…….ora che ci penso però ci sarà un motivo se in quel punto c'è una cosi alta concentrazione di argillite…..tutti quei metri cubi non sono pochi………comunque………….

(p.s. ottimo sito)

28 marzo 2008 | 12:58 | stargate63

Peccato che ancora una volta si è voluto fare del sensazionalismo e frotte di creduloni hanno abboccato , e poi anche se si intuisce che tutto finisce in nulla non si riporta nemmeno la conclusione della vicenda.

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.