Ago
9

La maestra saluta la classe dallo spazio

Inserito il 9 agosto 2007 da Roswell in Spazio

Barbara Morgan“Ragazzi, buoni….”: così, con la voce di sempre, la maestra Barbara Morgan, 55 anni, si è rivolta ai ragazzi della sua classe, in Idaho. Per salutarli, ammonirli, abbracciarli. Per educarli. Per fare cioé quello che fino al 1998 era stato il suo lavoro di sempre, la maestra di scuola elementare.

L’unica differenza rispetto ad un normale giorno di scuola è stata che in quel momento la maestra Barbara era – letteralmente – in orbita. Transitava cioè a bordo dell’Endeavour a 253,1 km dalla superficie terrestre, diretta ad una stazione spaziale chiamata ISS che raggiungerà solo domani, e da dove potrà seguire le passeggiate spaziali di tre dei sei astronauti che sono con lei, cinque uomini e una donna. Lei, astronauta a sua volta, li aiuterà a rimpiazzare un giroscopio rotto e rimontare un troncone metallico del peso di una tonnellata e mezza, per estendere l’ossatura della stazione ISS.

La favola bella della maestra Morgan, la prima insegnante a volare nello spazio, è stata possibile perché fortemente voluta da lei e perché fortemente appoggiata dalla Nasa. Lei, madre di due figli e maestra elementare fino al 1998, l’ha voluta a tutti i costi perché 21 anni fa era la assistente di Christa McAuliffe, l’altra insegnante-astronauta pronta a volare nello spazio ma che morì dopo 73 secondi dal lancio per l’esplosione della navetta spaziale su cui si trovava, il Challenger.

La Nasa a sua volta ha deciso che era giunto il tempo di mandare una maestra nello spazio per una questione di immagine. Recenti episodi negativi, come da ultimo l’accusa di aver fatto volare astronauti ubriachi, hanno danneggiato l’immagine del centro spaziale, che ha bisogno di riacquistare la simpatia in primo luogo degli americani per avere la certezza di ottenere i finanziamenti necessari per portare a termine il suo programma con Endeavour, altri 12 voli da qui al 2010 verso la stazione orbitante ISS.

Così ecco che Barbara Morgan a 55 anni è stata considerata all’altezza, tecnica, psichica e fisica, per unirsi al comandante Scott Kelly, il vicecomandante Charles Hobaugh e gli altri astronauti, tra cui una fisica canadese, Dave Williams, che sono da ieri con lei a bordo dell’Endeavour.

Cinque uomini e due donne a lavorare intorno a una stazione spaziale per ripararla dai danni provocati da una pioggia di micrometeoriti e per prepararla ad accogliere nuove missioni. Il viaggio prevede tre passeggiate spaziali, e se tutto andrà come previsto, potrebbe essercene una quarta.

Quella di Endeavour è la seconda missione dal 2002, dopo il catastrofico rientro del Columbia nel 2003. “Ogni volta che voliamo – ha commentato il responsabile della Nasa, Michael Griffin – sappiamo che possiamo perdere l’equipaggio. Ad ogni lancio io non penso che a quello”.

Il lancio di Endeavour, partito ieri da Cape Canaveral, è stato perfetto. Una volta in orbita, la maestra Barbara ha potuto comunicare con la sua vecchia scuola in Idaho. Sono previsti per lei – in base al programma messo a punto dalla Nasa – altri due collegamenti con scuole di altri due Stati. Resterà nello spazio tra gli 11 e i 14 giorni.

[ via ANSA ]

Related Posts with Thumbnails

1 commento per quento post

[…]  Il comandante Scott Kelly e Barbara Morgan […]

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.