Apr
5

Progetto Difesa Destino

Inserito il 5 aprile 2008 da Roswell in Top Secrets, Ufologia

book_cover_2.jpgNel 1997 è venuto alla ribalta un ennesimo rivelatore (con tale termine vengono designati in ambito ufologico ex agenti dei servizi segreti che decidono di rivelare al pubblico informazioni riservate sui presunti contatti tra i governi e le civiltà aliene in visita sulla Terra), Dan Sherman, il quale, in un libro di vasta risonanza oltreoceano, dal titolo Above Black , ha parlato del suo ruolo nel superclassificato progetto della NSA (Agenzia per la Sicurezza Nazionale) “Preserve Destiny” (Difesa Destino).

Dan Sherman è un analista elettronico ed ex Sergente Maggiore dell’ Air Force USA, le cui credenziali sono state avallate dal dott. Michel Wolf (deceduto nel settembre del 2000) ex consulente del Consiglio di Sicurezza Nazionale nonché componente del MJ12, presunto ultrasegreto gruppo di studio governativo sugli UFO.

Nel 1992 il sergente Sherman venne assegnato ad un’installazione sotterranea della NSA come analista elettronico di intelligence. Si trattava in realtà di una copertura per un incarico governativo di altissimo livello. All’interno della struttura fu informato che il governo statunitense aveva contatti con una specie aliena, comunemente nota come Grigi, fin dal 1947.
I reiterati scambi con i Grigi avrebbero portato nel 1960, alla creazione di un progetto congiunto umano-extraterrestre, denominato in codice “Preserve Destiny”.

Lo scopo di tale progetto, divenuto pienamente operativo nel 1963, consisteva (allora come ora) nella manipolazione genetica di un numero selezionato di esseri umani, per comunicare con gli alieni telepaticamente in caso di un’interruzione elettromagnetica delle comunicazioni a livello mondiale dovuta a grandi catastrofi.

Lo stesso Sherman sarebbe il prodotto di tali manipolazioni genetiche. Gli fu infatti rivelato che la madre venne addotta dagli alieni due volte, nel 1960 e nel 1963, durante la gravidanza, per fornirgli un corredo genetico atto alla comunicazione telepatica. I militari, che erano consapevoli di queste “visite speciali”, lo selezionarono in vista di un futuro impiego da parte della NSA.

Il progetto terminò nel 1968 quando furono concepiti sufficienti embrioni umani per creare un quadro di individui telepati e dalle facoltà insolite.

Il sergente Sherman avrebbe anche appreso che i programmi extraterrestri sono celati sotto cinque livelli di classificazione di sicurezza nazionale.
Per il livello esterno (livello 5) la classificazione è “for official use only”.
Per il livello successivo (livello 4) è “Secret”.
Il terzo livello (livello 3) è “Top Secret”. All’interno del Top Secret vi sono parole in codice e programmi di accesso speciali in cui sono compartite ulteriori informazioni.
Il quarto livello (livello 2) è costituito dai “Black Projects” i quali ufficialmente non esistono.
E finalmente abbiamo il livello finale (livello 1) conosciuto solamente da una ristretta cerchia, il quale comprende i “grey programs” (relativi agli extraterrestri).

Ciascun progetto alieno è celato dietro un Black Project che, se assolutamente necessario, viene rivelato ad un rappresentante del Congresso munito di accesso ad argomenti altamente classificati.

Dan Sherman afferma anche di aver ricevuto, durante un periodo di dieci mesi, più di 75 messaggi da un essere alieno che aveva soprannominato “Bones”.

In tali messaggi l’alieno avrebbe rivelato che gli extraterrestri avevano avuto contatti con diverse civiltà terrestri lungo tutto l’arco della storia umana, fornendo utili insegnamenti di civiltà e tecnologia scientifica ad alcune di esse.

Sherman apprese inoltre che gli alieni avevano modificato geneticamente la razza umana e che nell’Universo esistono molte culture aliene che credono nell’esistenza dell’anima e di Dio.

“Scoprire che non siamo soli nell’Universo – afferma Sherman – è affascinante; ma le altre cose che apprenderete non sono poi così piacevoli. Questo è il prezzo da pagare per la conoscenza”. E stando a quanto ci rivelano gli studi condotti sulle interferenze aliene dal prof. Malanga e da altri valenti studiosi, non possiamo che convenirne!

[ Scritto da Giacomo Casale ]

Related Posts with Thumbnails

3 commenti per quento post

26 agosto 2011 | 18:47 | lodi cristiano

dopo diversi decenni di bugie menzogne probabilmente persone hanno pagato con la propria vita quando gli americani si riferiscono alla sicurezza nazionale credo i veri alieni dal quale bisogno guardarsi non siano gli alieni.La presunzione dell'uomo che si e'elevato a unica forma intelligente dell'universo, la famosa frase di convenienza che l'umanita'non e' pronta a questa verita' e quelli che sanno sono pronti? io nutro dei seri dubbi finche chi manovra il potere rivolge la conoscenza di tecnologie superiore alle armi per produrre dominazione e potere bellico non porti a nulla la tecnologia l'apprendimento di nuove scoperte devono essere al servizio dell'umanita'di desposti e maniaci assetati di sangue e potere credo che ne abbiamo gia'avuti a sufficenza.

26 agosto 2011 | 18:58 | lodi cristiano

Non voglio insegnare nulla che e' gia' noto ma spero che nel gruppo di questi invasati che vivono con questo fardello di non poter dire nulla a nessuno prenda coscienza di questo e cominci a convogliare la conoscenza nella giusta direzione,si e' visto cosa csiamo riusciti a creare nell'ultimo secolo due veri tumori (l'orologio e il denaro) la competizione le classi sociali hanno generato tutto cio'che non serve per la crescita dell'umanita'cosa serve avere pieta'di un africano se l'aiuto rivolto a loro e' sempre una copertura di interessi.Voglio terminare queste mie espressioni facendovi una domanda.QUANDO IL GENERE UMANO SI RENDERA'CONTO CHE SU QUESTO PIANETA LA VERA RISORSA E' L'ESSERE UMANO?

spero di non avere offeso nessuno non e'mia intenzione

26 agosto 2011 | 20:39 | ......( puntini )

ciò che hai scritto è giusto , molto giusto … ma vedi cristiano la "frase di convenienza" ,come la chiami tu ,non è da sottovalutare , perchè tutto gira proprio intorno al profondo significato di questa frase (="l uomo non è pronto per questa rivelazione")… sai una volta ho parlato di ufo/alieni con dei miei amici , di recente con alcuni miei familiari e non , e la cosa ha suscitato molto interesse d avvero tanto … può anche suscitare moltissimo interesse lasciar a bocca a perta , il problema e che dopo un paio di giorni già si dimentica tutto, "reset" , . questo è il problema … per essere pronti non dobbiamo soltanto incuriosirci della faccendo , non dobbiamo soltanto interessarci , ma dovremmo prendere dei seri provvedimenti , tutti insieme .

Dobbiamo capire che è una cosa che ci riguarda da vicino , riguarda il futuro dei nostri figli, e dei figli dei nostri figli , è in ballo il futuro dell intera umanità. E per far in modo che la rivelazione , il cambiamento avvengano , noi dobbiamo prepararci !! non per esempio parlare col nostro amico o compagno di lavoro dicendo "tu credi agli alieni e algi ufo?" ecc , ma dobbiamo cercare di renderci consapevoli delle PROFONDE IMPLICAZIONI pratiche e sopratutto sociologiche che si avranno dopo "l evento più importante della nostra storia e lo shock culturale" che è inevitabile a detta degli antropologi e sociologi.

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.