Set
7

Libri: Il plico misterioso

Inserito il 7 settembre 2009 da Roswell in Libri

Oggi ho il piacere di presentarvi  “Il plico misterioso”,  scritto da Maja Ricci Andreini,  laureata in “Psicologia Clinica e di Comunità” alla Sapienza di Roma.

Di seguito trovate una presentazione scritta direttamente dall’autrice appositamente per il blog.

Le storie vere che hanno dell’incredibile ci colpiscono sempre: mettono in discussione il nostro paradigma di conoscenza e le nostre convinzioni; ci costringono a pensare a cosa sia il “credibile”.

Ma cosa è, in ultima analisi, il “credibile”? Tutto e nulla. Possiamo credere a tutto. Possiamo credere a nulla. Possiamo essere capaci di grandi “atti di fede”, come possiamo esserne del tutto incapaci. Ci sono questioni concernenti il cosiddetto “Ordine delle Cose” su cui nè scienza, nè religioni sono capaci di fornire, al momento attuale, spiegazioni esaustive e, sino in fondo, plausibili. L’Universo, Dio, la vita dopo la morte, l’esistenza di altre forme di vita intelligenti restano “questioni aperte” a cui ogni individuo risponde in relazione alla sua storia e cultura.

Cosa accadrebbe, però, se, un giorno, a due ragazzi comunissimi venisse fornita, da “qualcuno” o “qualcosa”, una spiegazione, a suo modo esaustiva e plausibile, dell'”Ordine delle Cose”? Se venisse loro spiegato nel dettaglio forma, struttura e leggi di un Universo che contempla, nell’essere se stesso, Dio, la vita dopo la morte, l’immortalità e l’esistenza di molte altre forme di vita intelligenti? Un Universo armonico e perfetto, seppure potenzialmente spietato, nel mantenere il suo equilibrio in itinere. Un Universo in cui il “paranormale” non è più paranormale giacchè non è altro che un aspetto del “normale”. E la “follia” non è più follia giacchè rispecchia, a livello semiconscio e simbolico, il mondo parallelo, coesistente al nostro, in cui si esplica la morte. E se a parlare fossero proprio coloro che, comunemente, chiamiamo “extraterrestri”? E se questi si svelassero nell’identità e scopi circa la Terra?

Se accadesse quanto ho appena detto ci sarebbe da riflettere… Da riflettere sull’autenticità e sincerità di chi narra la storia… Da riflettere sulla plausibilità delle spiegazioni fornite… Da riflettere sulle “distorsioni psicologiche inconsce” che possono essere presenti nel racconto dell’esperienza vissuta da parte dei protagonisti.

Il Plico Misterioso è un libro che impone di riflettere. In sostanza narra come, in seguito alla conoscenza fortuita di un personaggio pubblico all’aeroporto di Fiumicino, sia entrata in possesso di alcuni documenti riservati concernenti il caso di “abduction” cui ho accennato. Un caso di rapimento alieno vissuto da una coppia di giovani morta, successivamente, in circostanze misteriose, dopo aver visto la propria vita sconvolta da una serie di eventi paranormali. Una storia vera che ha dell’”incredibile” non solo per le tematiche coinvolte, ma anche per il ruolo che le coincidenze hanno avuto nel farmi decidere di narrarla, ma “archiviarla” come un “caso insoluto” rimandando ogni conclusione ai lettori.

Il plico misterioso narra come, in seguito alla conoscenza fortuita di un personaggio pubblico all’aeroporto di Fiumicino, sia entrata in possesso di alcuni documenti riservati concernenti un caso di “abduction” vissuto da una coppia di giovani morta, successivamente, in circostanze misteriose, dopo aver visto la propria vita sconvolta da una serie di eventi paranormali. I documenti sono riportati fedelmente nel testo.

Durante l’abduction, forme di vita intelligenti extraterrestri forniscono risposte plausibili a molte domande insolute dell’uomo: Dio, la struttura e la storia dell’Universo, l’immortalità e il futuro della Terra.

Una storia vera che impone di riflettere sul peso che coincidenze e mistero possono avere sulla vita quotidiana.

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.