Giu
28

Libri – Il Libro Perduto del Dio Enki

Inserito il 28 giugno 2011 da Roswell in Libri
Il Libro Perduto del Dio Enki

Da non perdere

IL PASSATO DIVENTERA’ IL NOSTRO FUTURO?

AL GENERE UMANO ACCADRANNO

LE STESSE COSE GIA’ SUCCESSE SU UN PIANETA

LONTANO DALLA TERRA?

Circa 445.00 anni fa, astronauti provenienti da un altro pianeta giunsero sulla Terra in cerca di oro. Qui assunsero il ruolo di divinità, trasmettendo la civiltà al genere umano e insegnando agli uomini a venerarli.

La storia completa dell’impatto degli Annunaki sulla civilizzazione umana è stata magistralmente narrata da Zecharia Sitchin nelle sue opere precedenti e in particolare ne Le Cronache Terrestri.

Fino a oggi però, è sempre mancato il punto di vista fondamentale, quello degli stessi Annunaki, “coloro che dal Cielo scesero sulla Terra”. Com’era la vita sul loro pianeta? Quali ragioni li hanno spinti a stabilirsi sulla Terra e che cosa li ha poi allontanati dalla loro nuova patria? Per trovare risposta a queste domande serviva la testimonianza diretta di chi aveva vissuto da protagonista quelle antiche vicende.

Convinto dell’esistenza di questa testimonianza, Sitchin ha cominciato a cercarne le prove. Grazie ad uno studio approfondito delle fonti primarie, ha ricreato le memorie di Enki, il comandante degli Annunaki.

Nasce così Il Libro perduto di Enki, una storia che ha letteralmente inizio in un altro mondo.

Un racconto epico di dei e uomini che si svolge parallelamente alla Bibbia e che mette in discussione molte delle nostre certezze sul passato e sul futuro.

Acquista il libro da questo link, riceverai uno sconto del 15%.

Related Posts with Thumbnails

2 commenti per quento post

28 giugno 2011 | 23:32 | ......( puntini )

letto !! è un bellissimo libro !! la storia dell arrivo degli anunnaki sulla raccontata dal comandante/scienziato Enki , appunto un anunnaki.

30 giugno 2011 | 22:10 | ......( puntini )

"…sulla *Terra"

Lascia un commento






Migrare il contenuto del vecchio sito ha portato alla perdita di alcune informazioni, chiedo scusa anticipatamente agli autori di articoli e documenti qualora abbia, involontariamente, omesso di citarli.