Archivio della categoria 'dal passato'

Giu
23

Aert De Gelder, “Battesimo di Cristo”

Inserito il 23 giugno 2007 da Roswell in Approfondimenti, dal passato

Aert De Gelder, “Battesimo di Cristo”In questo quadro che rappresenta il “Battesimo di Cristo” molti siti di ufologia associano il cerchio luminoso da cui partono i raggi che irradiano Cristo, con una rappresentazione di un oggetto volante non identificato (UFO).

In realtà ho trovato un’immagine più definita del dipinto che mi ha dato modo di effettuare un’analisi più accurata.

Come potete vedere al centro del disco si trova una piccola colomba, lo Spirito Santo, simbologia tipica della cultura cristiana che è anche visibile nell’immagine di esempio che ho riportato all’interno della foto piccola qui sotto.
colomba.jpg

{democracy:6}
Giu
21

La tomba di Ptahhotep

Inserito il 21 giugno 2007 da Roswell in Approfondimenti, dal passato, Ufologia

La tomba di PtahhotepQuesto affresco si trova nella tomba di Ptahhotep, gran visir al tempo del faraone Ises, e risalgono circa al 2400 a.C.

In molti siti web questa raffigurazione viene definita come la rappresentazione di un alieno, un Grigio nella fattispecie.

Secondo alcuni si tratterebbe di un vaso che contiene una pianta particolare offerta agli dei assieme a frutta e animali.

In altri punti della tomba di Ptahhotep si trova raffigurato lo stesso vaso, presente anche in altri dipinti, in molte altre tombe egizie, che raffigurano il banchetto rituale offerto agli dei.

La tomba di PtahhotepLa tomba di Ptahhotep
{democracy:5}
Apr
27

UFO, la divina punizione

Inserito il 27 aprile 2007 da Roswell in dal passato, Eventi storici

vascello1.jpgNel Giornale di bordo di Cristoforo Colombo, in data sabato 15 settembre 1492, troviamo la seguente annotazione:
“Navigò in questo giorno, compresa la notte, 27 leghe e più, in direzione di ponente.
Al cominciar della notte videro cader dal cielo una meravigliosa striscia di fuoco, a quattro o cinque leghe dai navigli.”

Ciò che ricorda essere una meteora, è definita dal navigante Bartolomeo de Las Casas, un “meravilloso ramo de fuego”; il marinaio, nella sua Historia de las Indias, aggiunge:
“E tutte queste cose agitavano e attristavano gli uomini, i quali incominciavano a credere che fossero segnali di malaugurio.”
(Continua…)

Apr
21

Civiltà Aliene

Inserito il 21 aprile 2007 da Roswell in dal passato, Ipotesi

Astronauta di KievSono riportati nella Bibbia, il primo risale all’anno 18.617.837 a.C.; l’ultimo al 607 a.C.: stiamo parlando degli sbarchi di popoli extraterrestri che avrebbero aiutato l’evoluzione della nostra civiltà, se non, addirittura, “creato” l’uomo con ardite operazioni di biogenetica.

Tra i vari pseudo-culti legati agli UFO, la cosiddetta Ipotesi extraterrestre è senz’altro la più popolare.
All’origine della civiltà umana vi sarebbe una visita, anzi parecchie visite, di un popolo alieno, proprio come sostengono le varie mitologie quando parlano di “Dei venuti dal Cielo”. (Continua…)

Mar
5

L’astronauta di Palenque

Inserito il 5 marzo 2007 da Roswell in dal passato, Ufologia

Astronauta di PalenqueNegli anni ’50 una spedizione condotta dall’archeologo Alberto Ruz Lhuillier scoprì, quasi per caso. un gruppo di rovine abbandonate da secoli e che la vegetazione, nonché pietre e detriti, avevano coperto quasi completamente.

La spedizione condotta di Ruz si occupò per mesi di questa importante scoperta, ma alla fine i risultali furono veramente sorprendenti.

Intanto all’interno della piramide venne rinvenuto un sarcofago di pietra rossa ricoperto da un’imponente lastra, sempre di pietra, che fu possibile alzare solo dopo il ricorso a tecniche modernissime.
Dentro il sarcofago fu rinvenuto Io scheletro di un uomo alto 1 metro e 73 centimetri con il volto coperto da una maschera di giada.
(Continua…)

Mag
28

Le conoscenze perdute degli Dei

Inserito il 28 maggio 2006 da Roswell in dal passato, Ufologia

Enoch“Scrivo non per i miei, ma per le estreme generazioni future, per gli uomini che verranno”. Cosi’ esordisce, in uno dei libri che prendono il suo nome, il patriarca biblico Enoch. Profeta ebraico, settimo nella discendenza di Adamo e ricordato in numerosi passi della Bibbia, Enoch appare per la prima volta nel libro della Genesi (5,18), ove si dice: “Visse in tutto 365 anni e cammino’ con Dio, poi non fu piu’ veduto perche’ Iddio lo prese”.

Di Enoch non si sa molto. Non conosciamo il periodo esatto in cui visse, ne’ il luogo; con buona probabilità i diversi testi apocrifi a lui attribuiti sono stati scritti da altri, raccogliendo antichissime tradizioni orali. Sappiamo pero’ che in queste opere si parla di un uomo saggio, per cio’ scelto da Dio, al quale viene concesso di salire al cielo e scoprire la storia segreta del mondo. E di tornare sulla Terra con dei misteriosi “libri della saggezza divina” in cui si racconta, in una chiave che oggi definiremmo ufologica, dei primi contatti degli ‘angeli’ con gli esseri umani.
La grande attualità di questi scritti, che il lungimirante profeta rivolge proprio alle generazioni future, e’ nell’immediatezza delle descrizioni di Enoch, moderno giornalista, vero e proprio cronista di un’epoca, definito ‘scriba’ nei testi apocrifi, scelto come portavoce dagli angeli perché ‘scrittore e uomo giusto di verita”. (Continua…)

Mag
15

La notte in cui gli Dei colonizzarono la Terra

Inserito il 15 maggio 2006 da Roswell in dal passato

Oannes, il Dio pesce
OANNES, IL DIO PESCE

Con queste parole lo storico babilonese Berosso descriveva, nel 275 a.C., una misteriosa creatura apparsa improvvisamente in Mesopotamia, uscita dalle acque per “istruire ed instradare” il barbaro genere umano. “Questo essere”, raccontava Berosso, “non si nutriva mai ma parlava con l’uomo tutto il giorno; insegnava le lettere, le scienze, le arti. Aveva insegnato a costruire le case e a fondare i templi, a compilare le leggi, a distinguere i semi della terra e a raccogliere i frutti; aveva spiegato i principi della geometria e, in breve, aveva insegnato tutto quello che serviva a dare dei modi garbati e a rendere più umana la gente. I suoi insegnamenti erano così universali che, dopo allora, non fu aggiunto nulla per migliorarli. Quando tramontava il sole, l’essere si tuffava in mare ed attendeva tutta la notte nelle profondità marine, in quanto anfibio. Dopo di lui apparvero altri animali simili ad Oannes”.
(Continua…)

Ott
21

Extraterrestri nella preistoria

Inserito il 21 ottobre 2005 da Roswell in dal passato, Ufologia

Jugoslavia, monastero di Visoka DecaniIn un’antica icona di stampo medievale possiamo osservare una lancia infuocata posarsi sul monte Sinai causando un incendio, dinnanzi a un esterrefatto rabbino.
O se ci portiamo in Jugoslavia, nel monastero ortodosso di Visoka Decani, troviamo un affresco trecentesco che illustra la morte di Cristo sul Golgota ed, alle spalle di Cristo, due uomini che sembrano inseguirsi dentro strane astronavi a forma rispettivamente di sole e di luna.
Sebbene molte di queste opere pittoriche possano in realtà essere rilette più convenzionalmente ( gli angeli in astronave di Decani potrebbero essere due beati dentro gli astri, secondo una concezione eretica catara), i continui ritrovamenti di raffigurazioni insolite hanno generato la ‘clipeologia’. Si tratta di un settore dell’ufologia che trae il suo nome dai clipei ardentes, gli ‘ scudi infuocati’ descritti dallo storici latino Tito Livio nei suoi Annali, scudi e travi che sfrecciavano in cielo spaventando la popolazione, che li interpretava come cattivi presagi. (Continua…)

Ott
12

Enigmi Storici

Inserito il 12 ottobre 2005 da Roswell in dal passato, Ufologia

Enigmi StoriciIn Es 19, 16 leggiamo: “e appunto al terzo giorno, all’alba, vi furono tuoni, lampi, una nube densa sopra il monte, e un suono fortissimo di tromba…”
E più avanti, ai versetti 18-19: “Ora il monte Sinai fumava tutto, perché lahvé .era sceso su di esso nel fuoco, e il suo fumo saliva come il fumo di una fornace: tutto il monte tremava fortemente. Il suono della tromba diventava sempre più grande: Mosè parlava, e lahvé gli rispondeva con dei tuoni.”
È esattamente lo stesso linguaggio di Plinio: i due autori stanno forse parlando dello stesso genere di cose?
Per quanto riguarda poi quello che dice Plinio nel capitolo 56, a proposito di strani fulmini che distruggevano sistematicamente ed esclusivamente le fortificazioni militari, leggiamo in Gios 6, 20 a proposito della distruzione di Gerico: “Ed avvenne che, come il popolo ebbe udito il suono della tromba ed ebbe lanciato un grande grido di guerra, le mura della città furono distrutte.” (Continua…)