Archivio della categoria 'Rapimenti ed impianti'

Set
5

Zanfretta, indagine Baldi

Inserito il 5 settembre 2005 da Roswell in Rapimenti ed impianti, Ufologia

Alieno visto da ZanfrettaPier Fortunato Zanfretta è nato a Novate Milanese (MI), il 28 Dicembre 1952, tredicesimo ed ultimo figlio di Orazio e Margherita che ebbero, prima di Pier Fortunato, sei coppie di gemelli. A otto anni Piero si trasferì a Genova dove vive tuttora. Dopo le scuole dell’obbligo Zanfretta incominciò a lavorare e ad imparare molti mestieri. Nel 1977 divenne guardia giurata presso una ditta privata di guardianaggio a Genova.
La sua storia con gli UFO inizia il 16 Febbraio I977, quando vede zizzagare nel cielo notturno un oggetto arancio a forma di sigaro con tre finestrini quadrati e due sfere luminose sul la coda. Quando l’oggetto si ferma per un attimo, ne esce un raggio luminoso che colpisce Zanfretta. E’ proprio in questo momento che Zanfretta vede vicino a sè una persona con la testa ovale e le mani in tasca che gli chiese “L’hai visto?” e noi sparisce.
(Continua…)

Ago
24

I Grigi e i rapimenti UFO

Inserito il 24 agosto 2005 da Roswell in Alieni, Rapimenti ed impianti, Ufologia

I GrigiUna rivoluzionaria ipotesi emerge dallo studio comparato della nutrita casistica sulle abductions, a confronto con le testimonianze di visite aliene nel passato remoto: i Grigi intendono creare corpi nuovi per gli esseri di questa Terra.

Le statistiche riportate dalla stampa internazionale sulle abductions sono impressionanti. Tre milioni e mezzo di rapiti nella sola America, un milione in Gran Bretagna. Sono cifre incredibili, se riteniamo che gli alieni vogliano SEMPLICEMENTE studiare la razza umana. Per questo motivo diversi ricercatori stanno cercando altrove la spiegazione per un intervento così massiccio. Del resto, alla luce delle nuove ricerche portate avanti da Derrel Sims, John Mack, C.D.Bryan e altri, non possiamo più negare la realtà di questi fatti, liquidandoli come un’isteria di massa. Il dato interessante è che questi ‘interventi dall’alto’ non sono affatto una novità. Se ne parla nelle cronache medievali e rinascimentali, nei vangeli apocrifi e nelle epopee sumere, ovviamente utilizzando termini dell’epoca. I rapitori alieni vengono chiamati Dei, Angeli o Veglianti, le loro navi ‘carri di fuoco’, le loro sonde ‘il marchio degli dei’ . Oggigiorno, se leggiamo attentamente le documentatissime opere dell’ufologa americana Karla Turner sui rapimenti UFO (‘Rapite dagli UFO’, edizioni Mediterranee; ‘Into the fringe’, intradotto in Italia), notiamo che i rapitori sono principalmente dei Grigi, che motivano tali misfatti sostenendo che debbono ‘crearci corpi nuovi in attesa del ritorno di Gesù’, in previsione della fine del mondo. (Continua…)

Lug
5

Impianti alieni

Inserito il 5 luglio 2005 da Roswell in Rapimenti ed impianti, Ufologia

Il più importante investigatore del fenomeno degli impianti extraterrestri è l’ipnoanestesista e ipnoterapeuta statunitense Derrel Sims, ex – agente della CIA e capo investigatore del FIRST, acronimo di “Fund for Interactive Research and Space Technology”. Sims è attualmente in possesso di una collezione composta da decine di artefatti rimossi dai corpi dei presunti rapiti e ha pubblicato le conclusioni delle sue indagini nel libro “Alien Hunter: The Medical and Scientific Evidence”, scritto in collaborazione con il dott. Roger Leir. Secondo i due autori gli impianti, in quanto prove fisiche, costituirebbero una delle testimonianze più valide a sostegno della veridicità delle esperienze raccontate dai rapiti. E’ comunque difficile, anche a detta dello stesso Sims, provare se gli impianti siano effettivamente di natura aliena visto che le indagini, da lui condotte, non hanno ancora portato ad una risposta definitiva. “Continuano ad emergere nuovi dati”, ha dichiarato il capo investigatore del FIRST all’interno di un articolo pubblicato nella rivista brasiliana UFO, “scoperti da noi e da altri investigatori. Noi rifiutiamo l’implicazione spirituale del fenomeno… crediamo soltanto che le evidenze siano molto forti… siamo comunque dell’opinione che qualsiasi prova, prima di poter essere relazionata agli UFO, debba necessariamente essere passata al vaglio di scienziati specializzati”. Il Dipartimento di Medicina dell’Università di Houston, al quale il FIRST ha affidato le analisi degli impianti, ha rilevato nel nucleo interno la presenza di diversi tipi di metallo coperti da una sorta di gelatina che si innesta alla perfezione nel tessuto connettivo. A volte, la parte esterna è costituita da un materiale simile alla ceramica. I biologi, gli etnomologi e i microbiologi che hanno effettuato le analisi, ignari della motivazione per la quale gli oggetti erano stati sottoposti ad esame, non hanno saputo spiegare il motivo della loro presenza nel corpo dei “pazienti”. La particolarità degli impianti consiste nel fatto che questi, nonostante siano corpi estranei, non provocano alcun tipo di infezione e, in alcuni casi, sono costituiti da composti chimici che non potrebbero esistere in tale matrice.

Impianto AlienoImpianto AlienoImpianto Alieno

Mar
1

Rapimenti alieni

Inserito il 1 marzo 2005 da Roswell in Rapimenti ed impianti, Ufologia

Rapimenti alieniNel corso degli anni siamo venuti a conoscenza di numerosi casi di persone che affermano di aver avuto esperienze con entità aliene. Al di là dei casi stranieri, per quanto riguarda l’Italia, i protagonisti di tali vicende spesso le ricordano confusamente, e quasi tutti vivendoli come un trauma o una violenza psicofisica, accompagnati da sentimenti di paura e odio. Questa volta abbiamo la possibilità di riferire la storia dettagliata di molti incontri ravvicinati del quarto tipo vissuti da una donna italiana, che si dichiara felice della sua esperienza e in qualche modo si sente da questa arricchita, sia sul piano psicologico sia su quello spirituale. Siamo grati a “Luisa” (così la chiameremo) per avere acconsentito alla divulgazione della sua storia e per la fiducia che ci ha accordato nel raccontare tutto ciò che ha vissuto, vincendo ogni timore e preoccupazione. Durante le telefonate in cui ci ha raccontato la sua esperienza, ci siamo fatti di lei l’idea di una persona intelligente, spiritosa, colta e, cosa che ci ha colpito maggiormente, tranquilla e consapevole di tutto quello che le accade. La consapevolezza di avere “incontrato” esseri di un altro mondo, o comunque di altre dimensioni, non ha sconvolto la sua vita, ma le ha dischiuso nuovi orizzonti, nuove vie di pensiero. Il motivo principale per cui ha accettato di rendere il nostro pubblico partecipe della sua storia è stato quello di aiutare altre persone, e in particolare donne che come lei vivono una “doppia vita”, ma forse non hanno mai avuto la possibilità di realizzarla a livello cosciente, e quindi ne soffrono. Ecco il racconto di Luisa. (Continua…)

Mag
17

Collegamenti tra il fenomeno dei rapimenti alieni e la tecnologia dei micro-impianti

Inserito il 17 maggio 2004 da Roswell in Rapimenti ed impianti, Ufologia

Impianti alieniDa circa 10 anni, il numero di coloro che ricordano di aver vissuto esperienze davvero strane durante l’infanzia e/o nell’età adulta, concernenti il presunto rapimento da parte di entità intelligenti aliene, è in costante aumento. Una volta ‘prelevato’ e – di solito – trasportato in un luogo descritto, ora come una astronave, ora come una base sotterranea, il soggetto viene sottoposto ad una sorta di esame medico nell’ambito del quale gli vengono prelevati campioni di sangue, di ovuli (se femmina) o di sperma (se maschio). A partire dalla seconda metà degli anni ottanta, qualche ricercatore cominciò a riferire che, alcuni dei rapiti, ritenevano che fossero stati installati degli oggetti artificiali nei loro corpi. Tali impianti, affermavano gli individui in questione, consistevano – nella maggior parte dei casi – in minuscoli congegni inseriti (tramite delle sonde) nel naso; i soggetti se ne erano resi conto in quanto, subito dopo il supposto rapimento alieno, senza alcuna evidente ragione patologica od organica, avevano incominciato ad avere frequenti episodi di epistassi (ossia perdita di sangue dal naso), preceduti da episodi notturni di lieve entità scoperti in seguito al ritrovamento di tracce ematiche sul cuscino. (Continua…)