Giu
27

A Roswell nessun alieno, ma solo un esperimento di Stalin

Inserito il 27 giugno 2011 da Roswell in Approfondimenti

A Roswell nel 1947 non cadde un UFO, ma un velivolo di forma circolare di produzione sovietica, a bordo del quale c’erano due ragazzi russi, frutto degli esperimenti dei laboratori di Stalin.

L’obiettivo era quello di gettare nel panico la popolazione americana. Lo sostiene la giornalista americana Annie Jacobsen, in un’intervista al giornalista della RAI Alessandro Forlani, che puo’ essere ascoltata sul sito di Gr Parlamento.

”Subito dopo la seconda guerra mondiale – spiega la Jacobsen, autrice del libroArea 51, che uscira’ presto in Italia presso Piemme– inizia la guerra fredda tra Usa e Urss”.

”Gli Stati Uniti sono in vantaggio, perche’ loro hanno la bomba atomica, mentrei russi, la svilupperanno solo nel 1949”. Stalin dunque era alla ricerca diogni possibile arma, che indebolisse le difese americane, incluso il terrorismo psicologico”.

Una fonte riservata, che ha lavorato per anni nella base segreta di Area 51 ha detto alla Jacobsen che, nel luglio 1947 a Roswell cadde un disco volante, che pero’ non proveniva da Marte, ma dall’Unione Sovietica.

”L’intelligence militare americana -spiega la giornalista – inizio’ una ricerca di prove, che si concluse 8 mesi piu’ tardi, con la scoperta di due ingegneri tedeschi, che avevano progettato e realizzato dei velivoli di forma circolare, dei veri e propri dischi volanti”. (Continua…)

Lug
9

Roswell 2007, il festival degli ufo

Inserito il 9 luglio 2007 da Roswell in Cronaca

ap_10754840_33360.jpgUfologi di tutti il pianeta ridestatevi! Potrebbe essere stato questo lo slogan del Roswell Ufo Festival, che si è tenuto dal 5 all’8 luglio nell’omonima cittadina del New Mexico, meta culto per quanti non hanno mai smesso di credere agli extraterrestri. Sin dal lontano 2 luglio del 1947, quando i rottami di un presunto disco volante vennero ritrovati nel Foster Ranch di Corona, circa 120 Km a nord-ovest di Roswell.

Da allora tra ricostruzioni ufficiose e smentite ufficiali, l’alone di mistero è rimasto. C’è ancora chi giura sul ritrovamento di presunti extraterrestri, equipaggio del disco precipitato, e altri che riconducono l’intera vicenda a un’operazione dell’Aeronautica Militare statunitense, il progetto Mogul. Qualche anno fa anche una serie televisiva, “Roswell” appunto, è diventata un vero e proprio cult tra i più giovani. (Continua…)

Lug
4

Ho visto gli alieni

Inserito il 4 luglio 2007 da Roswell in Cover-up

Alieno di RoswellScienza o fantascienza? L’ufficiale per le pubbliche relazioni dell’esercito americano a Roswell nel 1947, quando secondo gli appassionati di ufologia si sarebbe schiantato un Ufo poi nascosto dai militari, ha lasciato scritta la sua verità nel testamento che è stato da poco reso pubblico. Gli alieni arrivarono davvero a Roswell e Walter Haut ne vide i corpi, toccò i resti dell’Ufo (“sottili come fogli di carta e fatti di un metallo resistente come non avevo mai visto”) e decise di tacere e mentire sino alla sua scomparsa l’anno scorso.

Si riaprono le strade per le teorie delle civiltà aliene? Una delle più antiche teorie – che proprio oggi compie 60 anni dalla data dell'”incidente” – non smette di appassionare in rete: c’è chi ricorda che lo scienziato von Braun dichiarò che la caccia agli Ufo era tutto un falso per vincere le resistenze politiche alla ricerca sulle “armi spaziali”, e c’è chi ricorda il caso della guardia giurata Piero Fortunato Zanfretta dell’Istituto di vigilanza privata “Valbisagno” rapito dagli alieni nel dicembre del 1978.

[ via IlSole24Ore ]

Set
7

Nuove rivelazioni sul caso Roswell

Inserito il 7 settembre 2006 da Roswell in Cover-up, Top Secrets, Ufologia

roswell-balloon.jpg3 Maggio, 2005.
Non so se questa storia è vera. Tutto quello che posso dire è che mi sembra plausibile.
L’ho avuta di seconda mano e la persona che me ne parlò è ormai deceduta. (In modo assai strano, ma questa è un’altra storia).
Secondo il mio informatore, che chiamerò Bill, suo zio era stato in servizio come chirurgo nell’Esercito degli Stati Uniti dal 1942 al 1952, quando si ritirò ed iniziò la pratica medica privata. Non ho mai saputo il vero nome dello zio di Bill e quindi lo chiamerò Capitano Malone. Questo era il suo grado nel 1947, quando fu di stanza a Roswell, in New Mexico. (Continua…)

Nov
22

Omicidio Kennedy e caso Roswell

Inserito il 22 novembre 2005 da Roswell in Misteri, Teorie, Top Secrets

Dell’omicidio di John F. Kennedy (1917-1963), trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti, si è parlato e scritto moltissimo, spesso a sproposito e con eccessiva disinvoltura. In merito sono state formulate le più disparate ipotesi, accreditando presunti moventi dell’assassinio e identità delle organizzazioni coinvolte nell’oscura vicenda. Recentemente, è emersa una nuova possibile soluzione dell’intricato enigma, una pista apparentemente fantasiosa ed originale. Andiamo per ordine. (Continua…)

Mag
20

I resti dell’UFO caduto a Roswell

Inserito il 20 maggio 2005 da Roswell in Alieni, Cover-up, Video
Nov
6

Ho visto gli alieni di Roswell

Inserito il 6 novembre 2004 da Roswell in Avvistamenti, Ufologia

Alieno di RoswellPhilip Corso è un colonnello dell’esercito statunitense in pensione, ma soprattutto e’ l’uomo che ha visto i cadaveri di Roswell.
“Era la sera del 6 luglio 1947”, ha raccontato Corso al recente simposio internazionale sugli UFO, e, con il grado di maggiore, ero di stanza a Fort Riley, nel Kansas, come responsabile della sicurezza. Stavo compiendo il consueto giro di perlustrazione della base quando, giunto vicino al caseggiato veterinario, fui chiamato dal sergente maggiore Bill Brown. ‘Maggiore, venga a vedere. C’e’ da non crederci’, mi disse.
Nessuno, quella sera, avrebbe dovuto entrare in quel perimetro. Un cartello diceva chiaramente di girare alla larga. Entrai e vidi alcune casse che, secondo Brown, venivano da San antonio, Texas. Ci avevano detto che contenevano del materiale recuperato da un incidente avvenuto un paio di giorni prima in Nuovo Messico. Mi avvicinai ad una delle casse di legno (erano una trentina), mentre Brown restava di guardia. Vidi una cassa, sigillata su un lato e aperta dall’alto. Sollevai il coperchio e illuminai l’interno con una torcia. (Continua…)