Ago
22

L’equipaggio del Discovery: Possibili altre forme di vita

Inserito il 22 agosto 2005 da Roswell in Cronaca

DiscoveryWashington – Dall’equipaggio del Discovery verso i primi di agosto sono giunte dichiarazioni sulla probabile esistenza di vita nello spazio.”E’ molto probabile che nell’universo ci siano altre forme di vita”, ha detto, in collegamento dallo spazio, l’astronauta Andrew Thomas, intervistato da un giornalista. “Con questo non voglio dire che vengano a visitarci con gli Ufo, perché non credo sia questo il punto. Ma penso che lì fuori, nella profondità dell’universo, ci potrebbe essere della vita sensibile”. “Possibili altre forme di vita” Sulla questione si è espressa anche Eileen Collins, comandante della missione: “Ritengo che dobbiamo continuare a esplorare l’universo. Al momento, stiamo facendo solo piccoli passi qui, con lo shuttle e con la stazione spaziale. Torneremo sulla luna, e fa parte anche dei piani del nostro paese fare in modo che le stesse persone comuni possano andare sulla luna..e anche su Marte. Andremo lì e vedremo….E’ quasi inimmaginabile pensare che siamo davvero soli nell’universo. Probabilmente non sarà la nostra generazione, ma quelle future che troveranno una vita intelligente nello spazio”.

Set
9

Spazio: captato segnale misterioso

Inserito il 9 settembre 2004 da Roswell in Cronaca

Segnali dallo spazioSecondo quanto riferito da alcuni scienziati si tratterebbe di un messaggio extraterrestre. La notizia e’ stata diffusa dall’ultimo numero di New Scientist. Immediato lo stupore e l’interesse dei profani, ma pronti anche i dubbi e le perplessità degli esperti.
Captato da un progetto nato per scovare messaggi dallo spazio, il segnale sarebbe quanto di più simile ci possa essere ad un eventuale segnale extraterrestre. Tecnicamente parlando, il segnale battezzato “SHGb02+14a” viaggia sulla frequenza di
1420 MhZ ed è stato scoperto dagli astronomi e ricercatori del progetto SETI@home, un programma scientifico il cui obbiettivo
e’ di setacciare vaste sezioni dell’emisfero celeste alla ricerca di segnali ‘artificiali’ ovvero prodotti da creature intelligenti. (Continua…)